domenica 20 gennaio 2008

carissima landlady

Dall`ottobre 1995 al dicembre 2007 ho vissuto in 16 case diverse (17 se includo i brevi periodi a casa dei miei). Tutte queste case, a parte casa dei miei, casa di G. a Venezia dove sono stata a lungo ospite e la casa dove vivo ora, sono state case in affitto. Ho avuto padroni di casa stravaganti, altri petulanti, altri un po` invadenti, altri inesistenti, ma l`ultima e` stata sicuramente la peggiore. Dopo aver sopportato il fatto che avesse fotografato il bicchiere rotto nella spazzatura, ci lasciasse messaggi deliranti sotto la porta quasi quotidianamente, ci stordisse con le sue stupide e inutili chiacchiere, ci avesse tolto (troppi) soldi dalla caparra per due piatti rotti, pensavamo (ahinoi!) di esserci finalmente liberati di lei. Fino a ieri. Quando ci e` arrivata una lettera minacciosa in cui ci richiede il pagamento di un esorbitante somma di denaro per un presunto e non ben specificato "segno" sul tavolo della cucina . Questo dopo quasi un mese che non abitiamo nella casa. Dopo che era stata fatta (da lei) un`accurata ispezione il giorno della nostra partenza. Dopo che nuovi coinquilini abitano nella casa. T. ha alzato gli occhi dalla lettera perplesso "Non capisco bene, ma mi sembra ci siano scritte delle cose terribili" (hidoi per chi conosce il giapponese). Io ho cercato di mantenere la calma, e, dolcemente ho pensato a tutti gli insulti che conoscevo e le loro diverse sfumature nelle varie lingue (dialetto camuno compreso). Mi duole molto, ma se e` questo che vuole, guerra sia! E la sua carta intestata fa proprio schifo!

10 commenti:

comidademama ha detto...

mamma mia, io ne ho cambiate meno, ma una padrona così tremenda non l'ho mai avuta

mantieni la calma, che non vedo nuvolette ma nuvoloni all'orizzonte

sono felice che il no knead bread abbia conquistato anche il tuo partner giapponese

un abbraccio solidale

squa ha detto...

mi capito' una cosa simile a milano, la protesta arrivo' via mail... conservo ancora la mia mail infuriata, ma lucida e precisa, di risposta, in cui con calma contestavo e mettevo in luce la malafede della mia landlady di turno. Pero' mi dicevo disposta a discutere. Mai piu' risentita.

17 traslochi! ...e casa dei tuoi dovrebbe contare tutte le altre volte, perche' l'angoscia -almeno mia- e' dell'impacchettare, muovere materia per il mondo, perdere il cassetto di ieri!
Mi piacerebbe sapere che si impara, che c'e' una maturazione nel trasloco, perche' temo che me ne tocchino altri non pochi nei prossimi anni.

un abbraccio!

zazie ha detto...

@ Comida: oggi sono molto piu' calma, ma spero si risolva tutto presto.
@Squa: io devo aspettare ancora un paio di giorni prima di essere in grado di scrivere una mail non troppo infuriata... Comunque ho trovato gia' 3 persone che hanno avuto gli stessi problemi con la stessa padrona di casa.
Io ho imparato ad adattarmi alle case in cui abito e a ridislocare tutto nei nuovi "cassetti". Soprattutto da quando i traslochi sono diventati "internazionali" ho iniziato a ridurre sempre piu' il numero degli oggetti necessari (libri esclusi). La conseguenza e' che le mie case degli ultimi anni sono tutte con pochissimi mobili, solo quelli estremamente essenziali, nessun soprammobile, pochissimi oggetti che non servono a qualcosa di preciso. Adesso che abbiamo una casa un po' piu' grande e piu' stabile mi sembra molto vuota.

tokidoki ha detto...

Se ti servissero insulti e il dialetto camuno non bastasse te ne potrei fornire di utili anche io...
"Si vis pacem..."
In bocca al lupo!

soniaarw ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
sonia ha detto...

Zazie come ti capisco! Io ho avuto lo stesso problema con la mia padrona francese. Ma il contratto era dalla sua; aveva 15 giorni per fare eventuali rimostranze, anche dopo aver fatto lo stato dei luoghi. Abbiamo dovuto ripagare non so che lavoro sul piano della cucina e, quando le ho chiesto la fattura di questo lavoro per capire se effettivamente costava così tanto, me l'ha tirata lunga all'infinito e non l'ho mai vista! E non ho mai visto nemmeno metà della mia caparra!!
Non vedo l'ora, LONTANISSIMA lo so, di avere una casa mia.

PS per tralasciare i problemi con la padrona di casa di oggi! Che come dici tu quando sono troppo freschi non è possibile parlarne tranquillamente!

Anonimo ha detto...

Al massimo con gli Ikegami dovevamo preoccuparci che la tazzina nella quale ci offriva il the non fosse troppo sporca...immagino che la tentazione del vaffa sia forte e difficile da resistere, porta pazienza, ma non troppa.
ciao
matteo

Panzallaria ha detto...

odiosa sta donna!!! sono con te, con tutto il mio animo di scorpione (che poi una volta forse racconterò di come ho tentanto di sedare i miei di padroni di casa di un tempo...)

abbracci
panz

zazie ha detto...

Grazie a tutti!
@Tokidoki: grazie per il supporto, ampliare la gamma di insulti e' sempre un bene :-)
@Sonia: ieri ho chiamato il Department of Building and Housing e sembra che qua non esista nessuna legge del genere. Soprattutto dal momento che altre persone abitano nella casa dal primo gennaio. L'atro giorno ho pensato che l'aver comprato casa, nonostante adesso siamo senza un soldo, sia stata la decisione migliore che abbia mai preso!
@Teo: in fondo in fondo mi mancano, quegli zozzoni degli ikegami :-). Come tu sai, la mia pazienza, purtroppo e' molto limitata.
@Panz:Grazie Panz. Se la situazione peggiore chiamo te e Frollina in mio soccorso ;-)

Anonimo ha detto...

considera atti di rappresaglia psicologica, tipo telefonate nel cuore della notte o simili...
ho fatto un rapido conto, mi batti di 4 traslochi dal 95 a oggi. camuni nel mondo.
saluti al marito, ciao
matteo