mercoledì 2 maggio 2007

Comment parler des livres que l'on n'a pas lus ?


Ciò che più mi infastidisce durante la preparazione del trasloco è lo scoprire quanti articoli, libri, documenti vari ho accumulato senza averli neppure aperti.

Ogni volta che apro un cassetto per sistemarlo o riordino gli scaffali della libreria vengo immersa dai sensi di colpa… ho addirittura trovato dei doppioni, il che significa che non solo compro i libri e non li leggo, ma non mi ricordo neppure di averli comprati!

Si parte esattamente fra un mese. A Maggio passerò un paio di settimane in Italia, quindi il tempo che mi resta a Tokyo è ridotto a soli 14 giorni. Giusto il tempo per preparare bagagli, finire la ricerca e sbrigare le ultime, noiosissime pratiche burocratiche. Il rimanente tempo sarà dedicato a salutare gli amici e a girovagare per Shimokita. Una serata sarà occupata dalla partita di baseball al Tokyo Dome, mio malgrado. Almeno potrò vedere come è fatto l’interno del Biggu eggu.

Qualcuno dall’altra parte della stanza si è già organizzato con un nuovo blog.

Io vorrei giornate di 48 ore. Forse riuscirei a leggere qualche libro in più (o almeno a finire il quarto Harry Potter prima di doverlo inscatolare!).

1 commento:

t ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.